Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, Zalewski regala a Mou la prima vittoria “in chiaro”

Zalewski

Altra vittoria giallorossa in questo precampionato

L’artiglieria pesante (Zaniolo, Pellegrini, Mkhitaryan e Dzeko) è stata schierata nel primo tempo, ma il gol della vittoria contro la Triestina è arrivato nella ripresa, con uno dei più giovani: Nicola Zalewski. Il talentino nato in Italia ma calcisticamente polacco per un furbo blitz di Zibì Boniek, ha regalato alla Roma di José Mourinho la prima vittoria “in chiaro” dopo le due amichevoli a porte chiuse di Trigoria contro Montecatini (10-0) e Ternana (2-0).

C’era molto interesse per la Roma finalmente “visibile” e la Triestina, costruita per un’ambiziosa Serie C, ha detto qualcosa in più. In positivo: la condizione di Pellegrini, al rientro dopo l’infortunio che lo ha privato dell’Europeo e già incisivo; la ricerca costante del pressing alto; l’attenzione tattica a trasformare il 4-4-2 in fase difensiva in 3-4-2-1 con Pellegrini e Zaniolo dietro a Dzeko in fase offensiva.

In negativo: il nervosismo di Zaniolo, vicino alla rissa con l’uruguaiano Walter Lopez (Mourinho non ha gradito); i pochi tiri in porta. veramente pericolosi; la posizione defilata di Mkhitaryan, che non si è visto. Calcio d’estate, c’è tempo per migliorare. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa