Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mou spaventa tutti e promuove la Roma: “Habemus squadra”

Mourinho

Lo Special One soddisfatto della crescita della sua Roma

In poche settimane Mourinho ha reso la Roma più cattiva agonisticamente. La rissa di mercoledì sera contro il Porto con Fonseca in panchina non ci sarebbe mai stata. Lo Special One vuole una squadra aggressiva, che vada alla guerra contro qualsiasi avversario. E’ una Roma nuova nella testa, anche se finora i giocatori sono rimasti gli stessi. Il tecnico ha saputo portare il gruppo dalla sua parte in pochi giorni. Si informa costantemente sulle condizioni di Veretout, ogni tanto telefona a Spinazzola, rincuora Dzeko quando sbaglia un gol in allenamento, fa sentire importanti anche i giovani.

Mourinho è attento a tutto, ma non un rigido controllore. Sa dove intervenire, sa toccare le corde giuste per far dare il massimo anche in allenamento. L’11 scelto contro il Porto è quello su cui Mourinho insisterà in attesa di rinforzi, soprattutto a centrocampo. Mercoledì ha funzionato l’esperimento di Diawara basso tra i difensori per impostare. Poi Rui Patricio ha confermato le sue qualità. Dopo pochi giorni di allenamento già interagisce con i difensori senza problemi. Mourinho lo stima anche per il suo carisma. Anche in attacco le gerarchie sembrano chiare. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa