Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ecco Shomurodov, e Mou aggiunge velocità in attacco

Oggi lo sbarco dell’uzbeko a Roma

Probabilmente il mercato del general manager Tiago Pinto è lontano da quello che il 4 maggio, giorno dell’annuncio di Mourinho, la gente avrebbe immaginato. In porta si sognavano Donnarumma o De Gea, in difesa Sergio Ramos, sulla fascia Marcelo, in mediana Sabitzer o Renato Sanches, in attacco, per tenersi bassi, si ipotizzava Icardi. Sono arrivati buoni giocatori come Rui Patricio, Vina, si insegue ancora Xhaka e davanti si è chiuso l’accordo con il Genoa per Eldor Shomurodov. Il tempo dirà se le scelte della dirigenza siano state corrette, ma il poker di giocatori menzionati ha in comune una caratteristica, la “fame”, il desiderio di imporsi da protagonista.

In questa chiave infatti sarebbe sbagliato etichettare l’uzbeko come semplice riserva: è stato acquistato perché ha caratteristiche molto diverse rispetto a Dzeko, che al momento resta il titolare del ruolo. Lo Special One ha anche in mente di far giocare la Roma con due punte: Dzeko deputato ad “accorciare”, mentre Shomurodov è destinato a cercare di più la profondità. La sensazione è che, dopo una fase di rodaggio, non sia destinato a rubare il posto a Dzeko ma a fare prove di convivenza, cercando anche di ampliare il suo repertorio di giocate. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa