Resta in contatto

News

Milito: “Mourinho è l’allenator adatto per la piazza, la Roma sarà a sua immagine e somiglianza”

Mourinho

Le parole del bomber del Triplete nerazzurro

Diego Milito, eroe del Triplete realizzato dall’Inter di Mourinho nel 2010, ha parlato ai microfoni di Sportweek. Queste le sue parole:

Sulla corsa Scudetto

Per l’Inter la Juve sarà un rivale durissimo, ancora di più con il ritorno di Allegri.

Un campionato entusiasmante

“Il Milan riparte dal secondo posto, il Napoli ha un allenatore che vuole tornare protagonista e l’Atalanta gioca un calcio collaudato e di entusiasmo”.

Su Mourinho e la Roma

“José è un allenatore adatto a una piazza come questa, lo abbiamo visto dall’entusiasmo con cui è stato accolto al suo arrivo. È un allenatore che carica, esalta. È speciale anche per questo. Non ho dubbi che la sua Roma farà molto bene. A lui piacciono queste sfide. La sua sarà una Roma tosta, dura, difficile da affrontare, figuriamoci da battere, per chiunque. I tifosi romanisti conoscono bene José. Vincere non è facile, ma ripeto: la Roma di Mou sarà a immagine e somiglianza del suo allenatore. Lui torna in Italia per dimostrare di essere ancora speciale. E ci riuscirà. Un allenatore deve avere soprattutto la forza di saper gestire il gruppo e, appunto, di tirare fuori il meglio da ognuno. Mourinho ha questa forza. È il motivo che lo rende un allenatore speciale. Lui capisce i momenti psicologici del giocatore e sa quando abbracciarti e quando sgridarti. In ogni momento si rende conto del tuo stato d’animo e sa come prenderti, tutto per il bene della squadra”.

Su Italiano

“Con mister Italiano ho giocato al Genoa, il suo Spezia era aggressivo e veloce. Sono curioso di vederlo in un club con maggiori ambizioni”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News