Resta in contatto

Rassegna Stampa

Abraham, è il giorno: Roma ti aspetta

Edicola

Abraham si congeda da Stamford Bridge e approda oggi nella Capitale

Abraham si congeda da Stamford Bridge. Avrebbe voluto farlo in campo, ma Tuchel nemmeno sul 3-0 contro il Crystal Palace gli ha concesso la passerella. E allora, al fischio finale, ci ha pensato da solo. Il centravanti si è alzato dalla postazione riservata alla panchina, si è girato e ha salutato la tribuna.

Poi ha fatto lo stesso con il settore adiacente ricevendo in cambio tanti applausi. E come se non bastasse, in un secondo momento, ha attraversato il campo con un trolley, lasciando l’impianto di Fulham road. Segnali inequivocabili.

Il viaggio londinese di Pinto è servito anche per cercare acquirenti per alcuni calciatori che non rientrano nei piani di Mourinho. Tra questi c’è certamente Olsen. L’intesa con lo Sheffield United è stata trovata, va però convinto il portiere che non vorrebbe giocare in Championship (l’equivalente della nostra Serie B). Sono stati poi riallacciati i rapporti con il Wolverhampton per Diawara che già all’epoca del trasferimento di Rui Patricio aveva chiesto informazioni sul mediano.

Anche in questo caso l’ultima parola spetta al calciatore. Se parte, possibile arrivo last-minute di uno tra Zakaria (Monchegladbach) e Anguissa (Fulham). Per Perez, confermato l’interesse del Newcastle. Rimane in stand-by la trattativa tra Milan e Roma per Florenzi. Club d’accordo sulla valutazione (6 milioni), meno sulla formula.

Il Milan chiede prestito con obbligo di riscatto subordinato alla qualificazione alla prossima Champions. Pinto delle condizioni più agevoli, che rendano praticamente automatico il riscatto.

Lo scrive Il Messaggero

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa