Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma sul filo del Var: Abraham inventa, Zaniolo stecca

Zaniolo

Espulsione esagerata per il talento giallorosso

Chissà, magari adesso anche José Mourinho si sarà convinto che il Var non è poi così male. La Roma ha battuto la Fiorentina 3-1 anche grazie a due gol restituiti dalla tecnologia. Le fiammate dell’attesissimo centravanti Tammy Abraham non sarebbero state determinanti senza quelle attese – due minuti la prima, uno e mezzo la seconda – che per due volte hanno smentito i guardalinee Tegoni e Rossi riabilitando i gol che avevano annullato per fuorigioco di cm o anche meno.

La gioia sospesa che esplode in un boato, come a prolungare di qualche istante ancora la voglia di gioire dei romanisti tornati all’Olimpico. Pensare che Mourinho s’era speso proprio contro quel momento di incertezza che segue ogni gol: “Non festeggio più i gol, guardo lo schermo o il monitor vicino e aspetto, aspetto, aspetto”. Attesa ripagata, stavolta. Ma preparatevi, questa scena la vedremo spesso. Perché la Roma ha scelto di puntare sulle zone grigie, di giocare rischiando, di sfruttare l’infallibilità della tecnologia per provare a prendersi ogni cm utile alle spalle dei difensori.

E Abraham, poi uscito per crampi, sembra disegnato per questo: giocando così s’è infilato in spazi solo suoi chiamando il portiere viola Dragowski a un’uscita insensata a 20 metri dalla porta, punita con troppa severità dal modesto arbitro Pairetto col rosso. E sempre Abraham ha prima trovato Mkhitaryan alle spalle dei difensori per l’1-0, poi infilato il proprio corpo nell’universo di millimetri che separa una posizione regolare da una che non lo è ispirando – dopo che il pareggio di Milenkovic aveva gelato la Roma e Mou – il nuovo vantaggio.

Firmato Veretout, l’uomo che dovrebbe fare il mediano ma che a fine anno segna più di un attaccante e che con i due gol di ieri – seconda doppietta ingrata alla Fiorentina che lo portò in Italia – è arrivato a 20 centri con la Roma. Grazie all’assist di Shomurodov, uno che pensava di partire titolare e che nei minuti concessi ha dimostrato di essere più di una riserva.

Mentre lasciava il campo, José si è portato la mano al cuore. Poco prima aveva stretto la mano di ognuno dei suoi giocatori, di arbitri e guardalinee raggiunti in mezzo al campo e quella dell’avversario Vincenzo Italiano, capace di portare all’Olimpico una Fiorentina già bella nelle idee ma carente nelle scelte finali. La sua Roma è lonta da quella che era: ha lasciato palla agli avversari, ha giocato poco il pallone, ma cercato sempre la profondità, lo spazio. Le è mancato Zaniolo: la sua voglia s’è trasformata in foga, la foga in errori, gli errori in smania e questa nei due falli da giallo (il 2° un po’ forzato) costati l’espulsione. Deve imparare dal Var: a volte, la cosa migliore, è non aver fretta di festeggiare. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa