Resta in contatto

News

Tiribocchi: “Pellegrini sembrava triste, adesso è più libero e sente la fiducia”

Pellegrini

Le parole della seconda voce di DAZN che ieri sera ha commentato la gara dell’Arechi

Simone Tiribocchi ha parlato ai microfoni di Centro Suono Sport, durante la trasmissione “Parametri Zero”. Ecco le parole dell’ex calciatore voce di DAZN:

Come hai visto la Roma ieri? 
“La Roma ieri non ha mai perso la partita. Mourinho sapeva cosa andava a fare. Il primo tempo ha avuto un po’ di difficoltà anche in base a come difendeva la Salernitana. In questo momento la Roma è più attenta e concentrata”.

Stiamo vedendo dei giocatori che stanno offrendo prestazioni che l’anno scorso non hanno mai fatto. Quanto hanno contato le parole di Mourinho su Pellegrini?
“È vero soprattutto nella continuità di Pellegrini. Lo scorso anno sembrava un po’ triste. Adesso è più libero e sente la fiducia. È un’arma in più. Lui, Veretout e Abraham stanno trascinando la squadra”.

Sembra cambiato qualcosa rispetto all’altro anno?
“Probabilmente l’approccio di Mourinho è diverso, è un approccio giornaliero. Concentrarsi solo su se stessi e fare quello che chiede l’allenatore. Il mister sta lavorando sulla testa dei giocatori, sullo stimolarli”.

Un giudizio su Abraham?
“È un giocatore che sta dando tutto. Sa che è stato un investimento importante. Si sente responsabilizzato. Sta giocando per la squadra e voleva il gol a tutti i costi. Si è calato molto bene nella parte. Deve incominciare a gestirsi. Sta giocando più per gli altri che per sé stesso”.

Secondo te il ko della Juventus è un segnale? 
“Bisogna lavorare sul campo e avere pazienza. C’è da rimettersi apposto e lavorare sul mercato. Non credo ci sia una crisi è solamente una squadra in costruzione”.

La Roma dove si può inserire in classifica? 
“È una Roma che sta facendo bene. Bisogna vederla contro le grandi dato che l’anno scorso ha fatto veramente pochi punti contro di loro”.

Le tue sensazioni sul mercato? 
“Secondo me per arrivare tra le prime quattro non serve solo un centrocampista. Servirebbe un giocatore per sopperire alla partenza di Pedro. In mezzo al campo è meglio rimanere così se devi comprare tanto per comprare. E la Roma di giocatori non utili ne ha ancora tanti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News