Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mou corre coi lupi

Mourinho

Le immagini della sua corsa sotto la Curva Sud e dell’esultanza con i suoi giocatori scorrono idealmente nei corridoi di Trigoria

Le immagini della sua corsa sotto la Curva Sud e dell’esultanza con i suoi giocatori scorrono idealmente nei corridoi di Trigoria. Mourinho ieri ha lasciato un giorno di riposo non previsto per far smaltire le fatiche della partita contro il Sassuolo. Mourinho è corso e si è aggrappato alle spalle forti di Abraham, poi Mancini gli ha preso la testa e se lo è messo fronte a fronte. Questi fotogrammi denotano un rapporto che si sta creando, tra frasi, riti, risate, rimproveri e regole con cui Mourinho ha conquistato la squadra.

I giocatori sono pronti a buttarsi nel fuoco per lui. La sua esultanza è stata celebrata sui più grandi giornali europei. Un entusiasmo che a Roma non si provava dalla semifinale di Champions del 2018. I tifosi impazziscono per lui, i giocatori sanno che possono crescere e raggiungere sotto la sua guida traguardi finora impossibili. Il feeling che ha costruito nello spogliatoio è qualcosa di liturgico, quasi inviolabile. Conta molto per lui avere un gruppo unito. Al fischio finale è rimasto in campo a salutare e ringraziare per la vittoria tutta la rosa giallorossa, tutti i calciatori uno ad uno.

Lo scrive oggi Il Corriere dello Sport

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa