Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma-Empoli, tornano Karsdorp e Vina. Unico dubbio Cristante

Cristante

Contro la squadra di AndreazzoliMourinho tornerà a schierare i titolari. In attacco dietro ad Abraham tornerà Pellegrini

Contro la squadra di AndreazzoliMourinho tornerà a schierare i titolari. In attacco dietro ad Abraham tornerà Pellegrini – che aveva saltato la Lazio per squalifica-con Zaniolo e Mkhitaryan esterni. Sulle fasce, dopo il turno di riposo in Conference League, tornano Karsdorp e Vina con Mancini e Ibanez davanti a Rui Patricio. L’unico dubbio riguarda Cristante.

Il centrocampista infatti è diffidato e potrebbe essere risparmiato in vista della gara con la Juventus: in quel caso ad affiancare Veretout in mediana potrebbe essere ancora Darboe, reduce dalla prestazione positiva contro lo Zorya. Il tecnico però non sembra intenzionato a fare troppi calcoli: “Non penso a questi dettagli per decidere chi gioca una partita. Devo dire però che il percorso di Darboe negli ultimi due mesi e mezzo è stato positivo, giovedì scorso mi è piaciuto tanto. Non si può dire che abbiamo guadagnato un giocatore perché lo avevamo già, ma la fiducia cresce dopo una gara del genere”. Nessun commento sulle scelte del ct azzurro – che non ha convocato Zaniolo e Mancini – ma a far storcere il naso allo Special One sono gli orari delle gare sudamericane: “Non capisco come sia possibile che si giochi di giovedì sera che per noi europei è venerdì. In Juventus-Roma avremo Vina, Cuadrado e Bentancur che torneranno dopo aver giocato di venerdì”. Difficile dar torto a Mou.

Si legge oggi su Il Tempo 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa