Resta in contatto

Rassegna Stampa

Abraham sorride, ma il duello con la Signora si allontana

Abraham

Sospiro di sollievo per l’inglese ma la sfida con la Juve si allontana

Ci sarebbe una tifoseria intera che avrebbe tanta voglia di credere alle sue parole, ma la verità al momento pare diversa: Tammy Abraham rischia di saltare la partita di domenica contro la Juventus. Sbarcato a Fiumicino intorno alle 20.40 circa, l’attaccante della Roma viene subito interrogato dai giornalisti sulle sue condizioni di salute: “Sto bene e spero di poter giocare domenica“. Basta questo per rinfocolare l’ottimismo di coloro che presagivano sventura.

Ma i sorrisi della piazza, però, andavano lentamente scemando quando il centravanti andava immediatamente a sottoporsi agli accertamenti strumentali. L’esito, infatti, è che la caviglia destra è ancora in difficoltà, nonostante Abraham si muovesse in scioltezza davanti ai fotografi. La Roma ha fatto filtrare questo risultato: “Forte trauma contusivo alla regione calcaneare destra. La sua disponibilità per la gara di Torino verrà valutata nei prossimi giorni“. Il sottotesto arriva subito dopo: il giocatore avverte molto dolore, il colpo è stato forte e oggi non si allenerà.

A Trigoria faranno di tutto per mettere Abraham in condizione di andare almeno in panchina, ma tutto dipenderà dai test fisici a cui il giocatore si sottoporrà nei prossimi giorni. In ogni caso, tralasciando la trasferta di Conference a Bodo, l’attaccante inglese non dovrebbe essere a rischio per le prossime partite contro Napoli, Cagliari e Milan. Pellegrini ha smaltito la febbre e ha cominciato lavoro differenziato, mentre ieri hanno fatto un passo avanti le trattative per il rinnovo di Mancini. In sede è stato visto anche Vigorelli, l’agente di Zaniolo, ma per questioni relative all’assicurazione del suo assistito. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Il tedesco che volava sotto la Curva Sud

Rudi Voeller

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa