Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Roma evita lo psicodramma

Primi fischi dagli spalti per la Roma di Mourinho

Eccoli i primi fischi della stagione. Comprensibili. Il pubblico dell’Olimpico è deluso. Non finisce come all’andata, ma la prestazione è di nuovo inguardabile: 2-2, addirittura in rimonta e per due volte. La Roma, insomma, stecca ancora e non si riabilita in Conference League dopo la vergognosa figuraccia in Norvegia.

Adesso il percorso nella competizione si complica. A Mourinho non è stato sufficiente schierare per nove-undicesimi la formazione migliore. José ha inserito i quattro epurati nella lista dei convocati, dopo averli sempre esclusi da quel pomeriggio deprimente in Norvegia con la sua sconfitta più pesante della carriera. Reynolds, Diawara, Villar e Mayoral sono andati in panchina e non più in castigo. La punizione è durata tre gare di campionato.
I giallorossi sparano spesso il pallone in avanti per saltare il centrocampo, rinunciando alla gestione e indirettamente favorendo la strategia di Knutsen. Più concreto, comunque, il Bodo/Glimt che fa centro all’inizio del recupero con un gran sinistro di Solbakken, doppietta nella gara in Norvegia. Fischi del pubblico già al rientro negli spogliatoi e interventi di Mourinho dopo l’intervallo.

Si rivede Villar, fuori il timido Darboe e spazio a Perez, escludendo di nuovo Mkhitaryan. Adesso il trequartista è Zaniolo. L’arbitro Papapetrou si perde il rigore ad inizio ripresa: braccio di Moe su cross di Abraham. La verticalizzazione di Zaniolo per il pari: El Shaarawy riceve e piazza il destro a giro. La Roma, però, si riaddormenta.

Cross di Sampsted per il colpo di testa di Bothein, anche lui 2 gol il 21 ottobre, e per il sorpasso. Ecco Shomurodov per Abraham. Mancini prende il palo, appoggiando di testa da posizione angolata. Ancora un tocco di mano in area: Koradsen. Ignorato. Riappare pure Mayoral: suo l’assist per il pari di Ibanez. Di testa, ma in posizione di fuorigioco. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa