Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Spugna: “Siamo state brave ad avere pazienza. La partita di oggi è un passo in più”

Spugna femminile

Le parole dell’allenatore giallorosso al termine della sfida contro il Tavagnacco

La Roma stravince per 5-0 contro il Tavagnacco in Coppa Italia, ed Alessandro Spugna, coach delle giallorosse, non può far altro che esserne contento. Ecco le dichiarazioni rilasciate dal tecnico ai microfoni del club:

Vittoria larga. Ma si aspettava di trovare tutte queste difficoltà, specie nel primo tempo?

“Sì, ce lo attendevamo. Sapevamo che loro sono una squadra organizzata, e quando difendono con così tante giocatrici è difficile trovare spazi. Però, siamo state brave ad avere la pazienza necessaria per trovare gli spazi giusti e a fare anche più gol nel secondo tempo”.

È la seconda volta che la Roma trova delle squadre che si chiudono, ma riesce a reagire: questo è un segnale di crescita, rispetto alla scorsa stagione?

“Assolutamente sì, e dobbiamo migliorare ancora, perché tante volte troveremo delle squadre che si chiuderanno, squadre organizzate che contro di noi si abbassano. La partita di oggi è un ulteriore passo in più”.

Oggi ha cambiato modulo, anche a partita in corso: è un’opportunità in più?

“Sì, ma non sono uno a cui piace avere un sistema solo. Credo nei principi, in più opzioni. Mi piace che le giocatrici si muovano anche liberamente in certe zone del campo, specie in attacco. Ci stiamo lavorando tanto. E il fatto di modificare in partita tanti assetti, ci fa migliorare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile