Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, Felix di gioia. A Marassi contro il Genoa serve la mossa di Mourinho per tornare quinti

Il giovane ghanese s’inventa una doppietta da urlo

Sono serviti ottantadue minuti e l’ingresso di un diciottenne ghanese alla sua terza presenza in Serie A, per sbloccare la Roma che interrompe la striscia negativa dopo i ko con Milan e Venezia. I primi gol di Felix, classe 2003, regalano ai giallorossi tre punti pesanti che valgono il sorpasso su Fiorentina, Juve e Lazio e la quinta posizione a tre lunghezze dal quarto posto: che era e resta l’obiettivo stagionale.

È il colpo di coda di Mourinho che mette il ragazzino per l’ultimo squarcio di gara, lascia Zaniolo in “punizione” e rilanciala sua Roma. Una squadra che ha trotterellato con palla piede, non riuscendo a concretizzare un vantaggio evidente e la pressione offensiva durata tutta la gara contro una squadra che in serie A è l’unica a non ave mai vinto in casa.

Attaccanti troppo leziosi, in cerca della giocata che non arriva o troppo spesso in ritardo: ogni che va per conto suo. Invece il ragazzino, imbeccato dal migliore in campo fin lì Mkhitaryan, fa le cose semplici: piattone in corsa e Roma che vince la partita rovinando l’esordio in panchina di Schevchenko. Ma l’abbraccio giallorosso al gol del ragazzino vale più di ogni altra cosa, dei moduli, dei ruoli e anche delle gerarchie. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa