Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho si scopre Felix

La vittoria di Genova con Felix protagonista rilancia la sua Roma

Le promesse vanno mantenute. Lo sa bene José Mourinho che con Felix ha saputo toccare i tasti giusti per infondere fiducia nel ragazzo che a Genova ha rimesso a posto una partita più complicata del previsto. Ieri lo Special One ha consegnato al diciottenne le scarpe che gli aveva promesso in caso di gol a Marassi: la scena è stata filmata e postata dal giocatore su Instagram che – dopo alcuni minuti – è stato costretto a modificare il post a causa di un fraintendimento generato da una battuta pronunciata da una voce fuori campo “dentro ci sono le banane”.

A spegnere qualsiasi polemica è stato lo stesso Felix: “Voglio assicurare a tutti che non mi sono offeso in nessun modo per il commento in sottofondo nel video, e che credo sinceramente non ci fosse nessuna intenzione di tipo razzista“. Sul campo il classe 2003 ha dato le risposte che Mourinho si aspettava – anche a Cagliari si è rivelato prezioso per ribaltare la gara – e ora può davvero rivelarsi una scelta in più tra le alternative a disposizione del tecnico. Un’esplosione che riduce ancor di più le possibilità di permanenza di Borja Mayoral: l’entourage dello spagnolo sta cercando una soluzione già per gennaio – la Fiorentina è in pole – e la sua esperienza al Fulvio Bernardini sembra essere arrivata al capolinea.

Da questa mattina intanto la squadra tornerà a lavorare agli ordini dello Special One per preparare il match con lo Zorya. Dopo l’exploit di Felix – sarà assente giovedì non essendo stato inserito in lista Uefa – l’altro obiettivo di Mourinho è quello di restituire continuità a Zaniolo, che ha cominciato le ultime due gare dalla panchina. Il tecnico, che considera il numero 22 uno dei talenti più puri della rosa, è consapevole delle qualità del giocatore e per questo durante gli allenamenti spesso lo incita chiedendogli di dare il massimo. La gara di Conference League può essere l’occasione giusta per tornare a lasciare il segno e ricominciare a segnare: se dovesse essere riproposta la difesa a tre, Zaniolo potrebbe essere schierato dietro le punte al posto di Pellegrini.

Un ruolo che Nicolò sa fare, che lo renderebbe protagonista del gioco consentendogli di provare a scardinare la difesa avversaria passando per vie centrali. Per continuare a vincere e provare a lottare per il quarto posto, il contributo di Zaniolo è fondamentale e Mourinho lo sa. La voglia del ragazzo di fare bene con la Roma è lampante – la sua esultanza al primo gol di Felix parla da sola – serve soltanto la partita giusta per tornare ad essere protagonista. Magari a cominciare da giovedì sera. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa