Resta in contatto

Conferenze stampa

Veretout: “Domani come una finale, giocheremo con entusiasmo. Futuro? Voglio stare qui”

Le parole del centrocampista giallorosso in conferenza stampa

Il centrocampista giallorosso Jordan Veretout si presenta in conferenza stampa alla vigilia della sfida di Conference League contro lo Zorya. Ecco le sue parole:

Domenica sarai out per squalifica in campionato. Hai avuto un buon inizio e poi una piccola flessione. Il fatto di giocare tutte le partite può essere un handicap per te e Cristante?
“Ho iniziato bene il campionato, è difficile giocare tutte le partite, ora ho recuperato molto bene, sto fisicamente molto meglio di un mese fa, mi dispiace di non giocare la partita di domenica ma pensiamo a quella di domani che è molto importante. Dopo faccio un piccolo riposo ma poi c’è subito Bologna, non è un problema. Mi dispiace non aiutare la squadra domenica, sono concentrato sulla partita di domani che è una finale per noi”.

Hai riconquistato la nazionale. Ora quali sono i tuoi piani?
“Il primo obiettivo era fare grandi cose con la Roma e andare con la Nazionale. Sono molto contento di andare, adesso vorrei vincere con la Roma e arrivare il più in alto possibile. Il mio procuratore parla con la società e il direttore, la società sa cosa devo fare. Io sono romanista e voglio rimanere”.

A Genova hai giocato da regista. Come ti trovi in questo ruolo? Stai lavorando per continuare lì?
“MI trovo bene, l’ho fatto anche un anno a Firenze. Posso giocare anche mezz’ala, mi piace giocare mezz’ala perché posso fare la differenza avanti e prendere la profondità. Mediano è un ruolo che conosco e mi piace, tocca il pallone sempre, faccio il ruolo che il mister mi chiede”.

Ti aspettavi di arrivare a questo punto già con una partita da dentro/fuori?

“Per noi è una partita molto importante, perdere vuol dire andare fuori. La giochiamo come una finale, con molto entusiasmo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Il tedesco che volava sotto la Curva Sud

Rudi Voeller

Advertisement

Altro da Conferenze stampa