Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Smalling: 5 volte titolare, 5 vittorie e solo un gol subìto

I numeri della Roma con l’inglese in campo

La Roma ha la terza difesa del campionato con 15 gol subiti (come l’Inter), hanno fatto meglio solo il Napoli (7) e il Torino (14). Se ci fosse stato sempre Smalling probabilmente sarebbe andata anche meglio, perché nei 225 minuti più recupero giocati dall’inglese non ne ha subìto neanche uno.

Il 32enne di Greenwich, sobborgo londinese sede del famoso meridiano, è stato due volte titolare: 2-0 all’Empoli il 3 ottobre, 1-0 al Torino domenica scorsa. Ma anche quando è subentrato la porta di Rui Patricio è rimasta inviolata, contro Verona, Udinese, Lazio e Genoa. Le 3 partite in Conference, tutte da titolare: 5-1 al Cska Sofia il 16 settembre, 3-0 il 30 settembre sul campo dello Zorya (dove Smalling segnò un gol di testa), 4-0 agli stessi ucraini il 25 novembre.

Contro il Bodø, 8 gol al passivo tra andata e ritorno, lui non c’era. Bilancio delle 5 partite giocate dal primo minuto: 5 vittorie, 15 gol fatti e soltanto uno subìto, dall’irlandese Carey sfuggito a lui e a Mancini per segnare il provvisorio 1-0 del Cska poi seppellito dalla cinquina giallorossa.

Gli ultimi trofei della carriera di Smalling, con il Manchester United, sono stati anche gli ultimi di Mourinho: la League Cup il 26 febbraio 2017 (3-2 al Southampton con la fascia di capitano), l’Europa League il 24 maggio 2017 (2-0 all’Ajax). Sono passati 4 anni e mezzo, il portoghese conta sul leader ritrovato della sua difesa per rompere questo digiuno. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa