Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Pruzzo: “Mourinho è in polemica continua. Può essere un boomerang”

Lo storico ex centravanti giallorosso Roberto Pruzzo si è espresso dopo la sconfitta della Roma a Bologna

Roberto Pruzzo, ex centravanti giallorosso, è stato intervistato da tuttomercatoweb.com. Ecco le sue parole dopo la sconfitta della Roma a Bologna:

La stagione della Roma?
“È chiaro che per cercare di puntare in alto devi avere un cammino più regolare, le sconfitte sono tante. Ci sono varie squadre in una situazione di limbo: se non cambi marcia quelle quattro davanti vanno via e diventa complicato per Roma, Lazio e Juventus entrare in Champions”.

Il gioco della Roma latita…
“Aveva dato un indirizzo diverso nelle ultime partite. Si era vista una squadra attenta e capace di risolvere in avanti. Invece il Bologna ieri ha fatto un tiro e un gol e poi non sei stato in grado di riacciuffarla: sono emersi i limiti di questa squadra”.

Che pensa delle parole di Mou su Zaniolo?
“Gli arbitri vivono una condizione difficile e ci sono anche arbitri non all’altezza, ma non faccio riferimento alla partita in sé. Va anche detto che Mourinho non si fa mancare nulla perché è sempre in polemica e non vorrei che magari qualcuno se le segnasse queste cose… Ogni allenatore tenta di tutelare i propri calciatori e Zaniolo è spesso preso di mira. Succede a volte che gli arbitri ti pigliano di punta e se possono ti pizzicano…”.

Le parole di Mou possono dunque essere un boomerang?
“Di sicuro non fanno piacere alla classe arbitrale ma va detto che di fronte a certi episodi è inevitabile che un allenatore faccia le sue rimostranze. Ultimamente con la Roma le cose non sono andate affatto bene. Sarà interessante vedere a chi sarà affidata Roma-Inter”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News