Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Stadio della Roma al Gazometro: firmato un primo accordo con Eni

Roma assemblea azionisti

Si muove qualcosa su fronte stadio

In Campidoglio tutto sembra tacere. Nulla da registrare anche dalle parti del dipartimento Urbanistica, dove tutt’al più manager e funzionari sono alle prese con i ricorsi ultramilionari di Eurnova e Vitek al Tar del Lazio per la finaccia dell’affare Tor di Valle.

Eppure qualcosa si muove. Nelle intenzioni di Dan e Ryan Friedkin, i presidenti americani della Roma, c’è sempre l’idea di uno stadio, sostenibile e remunerativo. Un’orizzonte di idee che continua a convergere sul quadrante Ostiense. L’area offre i terreni degli ex Mercati generali, ma pure quelli all’ombra del gazometro.

La novità sta nel non disclosure agreement che il club giallorosso ed Eni, titolare del fazzoletto vista Tevere, hanno firmato negli ultimi giorni. Traduzione: entrambe le parti si impegnano a non diffondere ulteriori informazioni sui prossimi passi. Non sull’eventuale design della nuova casa dei romanisti, nemmeno sulle bonifiche del terreno necessarie per gettare le basi del progetto. Massima riservatezza. Ma il segnale è chiaro: la Roma è interessata all’area.

Dopo i primi sopralluoghi, ormai risalenti a diversi mesi fa, vuole studiare a fondo l’ipotesi che più la riporterebbe vicino a Testaccio, cuore giallorosso. Magari integrando il suo progetto a Road, il piano di Eni per portare nella capitale un nuovo distretto dell’innovazione. Startup, green economy e pallone. Un sogno. Poi c’è la realtà.

I Friedkin hanno ormai preso confidenza con Roma, hanno imparato a conoscere la sua macchina burocratica. Ogni scelta verrà presa in accordo con il Campidoglio, senza strappi. Nel mezzo c’è comunque spazio per il turnover. Dalla dirigenza è in uscita Stefano Scalera, arrivato alla fine del periodo di aspettativa e di ritorno al ministero dell’Economia. In entrata, invece, si fa il nome di Lucia Bernabè. La figlia del supermanager Franco, già presidente di Telecom e oggi alla guida di Acciaierie d’Italia (l’ex Ilva), è la candidata più accreditata alla gestione del dossier stadio. Ha un buon rapporto con Alessandro Daffina, amministratore delegato della banca d’affari Rothschild per l’Italia. Un volto noto dalle parti di Trigoria, legato a Radovan Vitek. Il tycoon ceco, proprietario dei terreni di Tor di Valle, resta sempre vigile sulle mosse della Roma. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa