Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Forze fresche con Borja e Bove: soluzioni in più per il turnover

Buone indicazioni dai due elementi giallorossi

Con la vittoria di Sofia che fa risparmiare alla Roma l’ostacolo dei playoff, Mourinho ha riscoperto forze fresche per il futuro. Da capire se con l’anno nuovo sia Mayoral che Bove faranno ancora parte della Roma, intanto ieri il tecnico ha avuto le risposte che voleva.

Mayoral alla fine è felice, considerando che prima di ieri quest’anno aveva collezionato solo 8 presenze, per un totale di 114 minuti (e una media di 14,25 a partita), partendo titolare prima di ieri solo nella serata nefasta di Bodo. Ieri a fine partita sono arrivati anche gli elogi di Mourinho: «Sono felice di questa serata Abbiamo fatto una buona gara, soprattutto nel primo tempo. Alla fine invece abbiamo faticato, sbagliando qualcosa. Ma sono cose che succedono, dobbiamo migliorare tutti. Contava vincere e lo abbiamo fatto, aggiudicandoci anche il girone».

Il volto sorridente della serata è quello di Edoardo Bove, ieri al debutto da titolare. Mourinho, durante il ritiro estivo, lo aveva utilizzato spesso, nonostante un infortunio al braccio che lo ha sempre penalizzato nel rendimento. Poi è tornato a puntarci di recente, prima buttandolo dentro con l’Inter e ora dandogli una maglia da titolare nel gelo di Sofia. «Dopo due sconfitte era importante vincere, anche per il primo posto nel girone – dice il centrocampista – Questo esordio da titolare è stata un’emozione grandissima ed è il risultato del lavoro che svolgiamo durante la settimana. Devo ringraziare i miei compagni, che mi hanno aiutato a viverla nel miglior mo- do possibile, facendomi provare meno emozioni e aiutandomi a sentire meno la partita». Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa