Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ghiaccio bollente: nella neve di Sofia passa la Roma. Bodo, solo 1-1 e Mou vince il girone

I giallorossi diretti agli ottavi grazie al pareggio del Bodo

Un bel regalo di Natale, con quindici giorni di anticipo. La Roma vince il girone di Conference ed evita i temuti sedicesimi di finale a febbraio grazie alla piccola impresa dello Zorya che pareggia col Bodo e permette quindi a Mourinho di volare in testa e di accedere direttamente agli ottavi. Una sorpresa inaspettata. Non lo è stata invece la vittoria della Roma sul ghiacciato campo del Cska Sofia.

I giallorossi si sono portati in vantaggio per 2-0 in un quarto d’ora grazie ai gol di Abraham e del ritrovato Mayoral (di tacco) impiegato finalmente da Mou al fianco dell’inglese. Poi il ritmo è diventato da amichevole e nella ripresa è arrivato il tris sempre di Abraham bravo a iniziare e chiudere uno scambio con Karsdorp. A quel punto cervello e orecchie erano in Ucraina. Tranne quelle del Cska che ha sfruttato le dormite della Roma trovando due gol in un finale rocambolesco che ha visto anche l’infortunio di Zaniolo subentrato sul risultato di 0-3 su un campo disastrato. Per Nicolò (squalificato con lo Spezia) si teme una lesione all’adduttore.

Mourinho a fine gara non nasconde il malumore per il finale che poteva rendere inutile il pareggio del Bodo: «Non possiamo farci questi problemi. Non si può vincere 3-0 e in controllo per poi perdere palla per comportamenti naif. I gol presi sono inaccettabili. Sono felice perché abbiamo vinto il girone, ma non è possibile prendere 2 gol sul 3-0. Una delle poche cose che mi è piaciuta è Mayoral e non solo per il gol. Il primo posto? Non abbiamo la rosa per tre competizioni. Non giocare due partite in più è importante, anzi fondamentale. Siamo stati fortunati». Lo scrive “Leggo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa