Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Roma sorpassa, ma il primo posto non placa Mourinho

Il portoghese non soddisfatto del secondo tempo dei suoi

Grazie all’harakiri del Bodo Glimt in Ucraina contro lo Zorya (1-1 il finale), la Roma infatti può rispettare i pronostici di agosto, chiudendo il girone di Conference al primo posto e andando subito agli ottavi, evitando così i playoff di febbraio contro le “cadute” dall’Europa League. Il gelo di Sofia, da un 2-3 al Cska restituisce a Mourinho un filo di sorriso e qualche certezza in più. La coppia d’attacco Abraham-Mayoral ha messo in mostra buone cose, e chissà che lo Special One non abbia qualche minimo rimpianto sullo scarso utilizzo concesso finora allo spagnolo.

La squadra bulgara è al 135° posto nel ranking Uefa e la partita ha dato tutto il senso della modestia dei padroni di casa, che solo nel distratto finale giallorosso hanno trovato gloria. Ma con Rui Patricio, Smalling e Mkhitaryan a casa per riposare, notare i progressi di Bove, il feeling col gol europeo di Abraham – 6 in 6partite – e la voglia di lottare di Mayoral può dare regalare buoni auspici allo Special One, anche se il finale non gli va giù. «Sono felice per il primo posto,– spiega il portoghese –. Siamo stati fortunati. È stato importante evitare gli spareggi. Non abbiamo una rosa per giocare tre competizioni e quindi disputare due partite in più a febbraio sarebbe stato un problema».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa