Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho bacchetta i suoi: “Non possiamo crearci problemi da soli”

La rabbia a fine gara dello Special One

A far sorridere Josè Mourinho c’è soltanto il primo posto nel girone. Dopo la vittoria con il Cska Sofia lo Special One se la prende con la sua squadra per i due gol regalati agli avversari e la cattiva gestione del risultato nel quarto d’ora finale: «Non possiamo crearci questi problemi da soli – sbotta il portoghese – non si può vincere 3-0 e ed essere in controllo della gara per poi perdere palla con comportamenti naif. I gol presi sono inaccettabili. Sono felice perché abbiamo vinto, ma non è possibile prendere 2 gol sul 3-0».

Parlando di playoff scongiurati grazie al regalo dello Zorya, il tecnico rimarca ancora una volta come quella della Roma non sia una rosa adatta a competere su tre fronti: «Non abbiamo la rosa per affrontare tre competizioni, per questo evitare di giocare due partite in più è importante. Quello che è successo in Ucraina non potevamo controllarlo e siamo stati fortunati. E’ fondamentale non dover giocare quelle due partite». Carezza per Borja Mayoral, che grazie al suo gol e un’ottima prestazione ha aiutato la squadra a portare a casa la vittoria: «Una delle poche cose che mi è piaciuta. Gol bellissimo ma al di là di quello mi è piaciuto molto come ha giocato. Il suo atteggiamento non mi sorprende perché lavora sempre bene, mi è piaciuta la sua qualità che ha messo nel gioco».

Dopo la partita la squadra è rientrata in Italia e oggi riprenderà a lavorare a Trigoria in vista dell’impegno di lunedì prossimo con lo Spezia. Non ci sarà Zaniolo, assente per squalifica, uscito per un fastidio all’adduttore destro contro il Cska. Lo scrive “Il Tempo”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa