Resta in contatto

Rassegna Stampa

Natale in anticipo, la Roma ringrazia

Il regalo dello Zorya spalanca le porte degli ottavi

La Roma non stecca, con se qualche problema di troppo nel finale, e raccoglie l’inaspettato favore dello Zorya, che ferma il Bodo sull’1-1 in Ucraina: battuto 3-2 il CSKA Sofia, primo posto del girone per i giallorossi e niente playoff a febbraio.

L’impegno che inizialmente la Roma ha profuso per chiudere il match di Sofia, dimostra quanto questa Conference non vuole essere snobbata. I giallorossi ci mettono poco a sistemare subito la questione e pensare al domani, che vuol dire Spezia e soprattutto vuol dire ottavo di finale, senza l’intralcio della retrocessa dall’Europa League. Lo Special sperimenta, butta dentro qualche calciatore fin qui poco visto. Mayoral, su tutti. Che segna, di tacco, il primo gol stagionale alla seconda partita da titolare. Abraham ha conosciuto un altro compagno con cui confrontarsi e rapportarsi e l’intesa non è andata male. La prima rete la segna l’inglese, su assist di Karsdorp, la seconda la mette dentro lo spagnolo, su servizio Viña. La sfilata degli esaminandi continua, con il giovane Bove, che mostra un bel passo. Poi arrivano i cambi e la testa finisce altrove. La solita amnesia di gruppo.

Missione compiuta, ma lo Special è nero per il finale di partita giudicato troppo arrendevole. «Non possiamo crearci da soli questi problemi. Non si può vincere tre a zero, stare in controllo per poi perdere palla per comportamenti naif. I gol presi sono inaccettabili. Non abbiamo una rosa per giocare tre competizioni e due partite in più a metà febbraio. E’ stato importante per noi arrivare primi: non abbiamo bisogno di due partite in più del playoff». Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa