Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma si prende il derby femminile: Glionna respinge la rimonta della Lazio

Il primo derby è giallorosso

Un derby bellissimo. Lo vince la Roma 3-2 che adesso, alla fine del girone d’andata, e dopo un filotto di cinque vittorie consecutive, è in piena zona Champions League. Alla fine la sfida la decide Glionna, al 28’ della ripresa, con una punizione beffarda che taglia tutta l’area di rigore e che batte Ohrstrom. Esplode il Tre Fontane, perché capisce che è il momento decisivo. Sarà realmente così. La Roma ha provato a scappare con Pirone e Bernauer – due gol fotocopia, con enorme dormita della difesa biancoceleste su altrettanti calci d’angolo -, la Lazio prima con Visentin e poi con il rigore di Martin è rientrata in maniera clamorosa in gara. Glionna, come detto, ha mandato in archivio il primo storico derby.

Poi c’è Bartoli, che posta e si pente. «Volevo ringraziare quei poracci dei tifosi laziali per avermi rigato tutta la macchina. Davvero complimenti, siete il brutto del calcio. Siete riusciti a dimostrarlo anche oggi. Tanto tra poco tornerete nella serie che vi compete. B. Ci vediamo al ritorno». Questa una storia Instagram, poi cancellata, di Elisa Bartoli. Qualcuno l’ha presa di mira nel giorno del suo rientro in campo dopo il Covid. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa