Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, credici: sabato a Bergamo i giallorossi possono “rivedere” la Champions

I giallorossi impegnati a Bergamo nella difficile trasferta

Sarà l’ultima trasferta dell’anno ma la prima per importanza. Perché a Bergamo, sabato alle ore 15, va in scena una prova d’identità. Protagonista la Roma che dopo il successo contro lo Spezia ha agganciato la Juventus al sesto posto e ha ora la chance di riaprire il discorso Champions. L’Atalanta è terza a +9, il Napoli – che affronterà il Milan a San Siro – quarto a +8.

Può sembrare strano sentir parlare a dicembre di crocevia ma tant’è: l’occasione è sul piatto, non bisogna lasciarsela sfuggire. E poco importa che i giallorossi si presenteranno senza Pellegrini, El Shaarawy, Felix, Spinazzola e con Smalling in dubbio. Perché “se dietro ogni problema c’è un’opportunità” (Galilei), quella di Bergamo non va sciupata.

Bisogna dare seguito al successo con i liguri e soprattutto ai propositi pre e post-gara (“Per la Champions ci siamo anche noi”, Cristante; “conti si fanno alla fine, ogni partita è come una finale”, Pinto) che rischiano altrimenti di trasformarsi in un campionario di frasi fatte.

Tocca dunque a Mourinho regalare una speranza, da coltivare poi per il resto della stagione. Perché accontentarsi al termine del girone d’andata di un’annata di transizione, mal si concilia con uomo che ama le sfide. Anche impossibili, come lui stesso definì a GQ la decisione di accettare la proposta dei Friedkin: “Vado incontro a una nuova mission impossible”. Dopo 4 mesi si è reso conto di non aver esagerato con le parole.

A Bergamo bisogna vincere. E per riuscirci bisognerà innanzitutto porre fine al tabù degli scontri diretti che continua ad essere una ferita aperta. Il 2 novembre 2019 è la data in cui la Roma vinse 2-1 con il Napoli di Ancelotti, bissando il successo di due settimane prima contro il Milan. Ma rappresenta anche l’ultimo acuto in un big match importante per la classifica.

Il significato di questo viaggio al Gewiss Stadium non va certo spiegato al tecnico, consapevole di quali possano essere gli ostacoli. A cominciare dallo stato di forma di Zapata e compagni (6 successi consecutivi in campionato), passando per la rosa costruita dai Percassi e terminando con una velocità e aggressività nel gioco che da queste parti si vede poco e soprattutto a targhe alterne. Mou è pronto ad accettare la sfida allo specchio con Gasperini: 3-5-2 contro 3-5-2, formula che la Roma ha scelto, aspettando il rientro degli infortunati.

L’errore da non ripetere è quello commesso contro l’Inter. Squadra troppo bassa, incapace di effettuare un pressing convincente, in balìa del palleggio dei nerazzurri, svuotata e rassegnata sin dall’inizio. Se il copione è lo stesso, si rischia la brutta figura. Ma rispetto a quella sera, José avrà Abraham e al suo fianco Zaniolo che ha recuperato dall’affaticamento muscolare. Tocca alla giovane coppia prendere per mano la Roma. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa