Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Karsdorp e l’Atalanta: la sfida che avrebbe potuto vivere al contrario

L’olandese tra i protagonisti del match di Bergamo

Karsdorp lo stakanovista è pronto a giocare la sua ventitreesima partita stagionale, dando come al solito il massimo supporto sulla fascia destra dove non ha competitor né, purtroppo per lui, un ricambio all’altezza. Lui è l’unico signore della fascia, pronto a correre nuovamente su e giù anche al Gewiss Stadium contro l’Atalanta. E pensare che avrebbe potuto giocare questa partita con la maglia nerazzurra piuttosto che con quella con quella giallorossa.

Torniamo al primo settembre del 2020, in pieno calciomercato, quando Karsdorp aveva già cominciato il trasloco per trasferirsi a Bergamo. Era davvero tutto fatto per il passaggio all’Atalanta: l’olandese era appena rientrato dal prestito al Feyenoord ed era quasi intimorito al pensiero di restare in quella Roma che gli ricordava i tanti infortuni, le delusioni e i pochi minuti in campo.

Su di lui erano piovute tante critiche per le prestazioni e i continui infortuni. Quasi tutti i tifosi non lo avrebbero voluto più vedere in giallorosso, nemmeno lui. Eppure qualcosa lo spinse a fare dietrofront, a declinare improvvisamente la proposta del diesse Sartori e ad accettare la nuova sfida a Trigoria. La voglia di una rivincita, ma anche le parole stimolanti di Dzeko, Pellegrini e dei Friedkin. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa