Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Garanzia Smalling: blindata la difesa e Roma in crescita

L’inglese di nuovo leader della difesa giallorossa

Quando in difesa Smalling c’è, è tutta un’altra storia. La Roma trova d’incanto solidità, equilibrio difensivo e un upgrade di personalità e carattere quando c’è in campo il difensore inglese. Chris garantisce serenità e tranquillità a tutti i compagni di squadra, non solo quelli del reparto arretrato. E’ come se tutti fossero più sicuri di sé e della forza del gruppo sapendo che c’è anche lui in campo. Oggi la Roma andrà a caccia della terza vittoria consecutiva in campionato, puntando proprio su di lui.

A dire che esiste una Roma con Smalling e una senza Smalling sono soprattutto i numeri. Da quando è rientrato a fine novembre ha giocato sette partite, in cui la Roma ha subito in media 0.71 reti a gara. E se non ci fosse stato lo 0-3 interno con l’Inter, la media sarebbe stata anche migliore. Senza di lui, sempre in 7 partite, 15 gol subiti, una media di 2.14 a partita. In più, delle 9 gare in cui è partito titolare, 5 sono terminate con la porta inviolata, subendo solo sei gol. Basterebbe questo per dire quando imprescindibile sia Smalling per la Roma. Con lui in campo tutto diventa più semplice: è l’uomo dominante della difesa e averlo o non averlo fa la differenza. Adesso, ovviamente, la speranza a Trigoria è che i guai fisici lo abbandonino definitivamente. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa