Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

E se il Mourinho comunicatore avesse soffocato l’allenatore?

La Roma perde, Mou protesta: nel mirino ci sono gli arbitri

Nel corso della sua carriera, Mourinho ha vinto in tutta Europa: un allenatore indiscutibile, se andiamo a contare gli innumerevoli trofei conquistati nel corso degli anni. Ma una domanda sorge spontanea: siamo sicuri che lo Special One stia dando tutto alla Roma? Oppure il “Mou comunicatore” ha preso il sopravvento?

I risultati deludenti accumulati fino ad ora fanno sorgere i dubbi: otto gol incassati in due partite dal Bodo/Glimt, otto sconfitte in venti partite di campionato, pochi sprazzi di bel gioco.

E il portoghese ha spiegato nel post partita con il Milan questi difetti in tre concetti: una squadra titolare non in grado di produrre un gioco di qualità, arbitraggi spesso sfavorevoli e seconde linee non all’altezza.

Tutto ciò potrebbe nascondere anche un velo di verità, ma nessuno ha mai chiesto a Mourinho di vincere lo Scudetto, e neanche di perdere 8 volte su 20. Gli errori arbitrali ci sono stati, ma gli episodi favorevoli non vengono considerati. E le riserve non saranno poi così scarse da non poter vedere il campo, dato che Villar ha suscitato l’interesse dell’Inter e Mayoral della Fiorentina.

E poi viene da chiedersi: il Milan, con assenze pesanti e metà dei titolari out, è davvero migliore della Roma? O le seconde linee sono state valorizzate? Urgono rinforzi, ma per ora la Roma non riesce a fare più di così? Le riprese mediatiche di Mourinho, che continua a chiedere rinforzi, sembrano mettere i Friedkin sul banco degli imputati, dimenticando quanto abbiano comunque speso in estate.

Mourinho sta dando tanto come comunicatore, ma la sua squadra ha una spina dorsale di tutto rispetto. E sembra un po’ ingiusto irridere la proposta di un club, specie rivelandola a tutti in modo brusco. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa