Resta in contatto

News

Nela: “La Roma non ha personalità e carattere. Mi aspetto una svolta a breve”

Mourinho

L’ex giallorosso Sebino Nela, campione d’Italia 1983, si è espresso sul momento Roma e su Josè Mourinho: le sue parole

Sebino Nela, campione d’Italia con la Roma nel 1983, ha parlato nella trasmissione “Il tribunale delle romane”. Ecco il suo pensiero sulla Roma di Mourinho:

La Roma è troppo altalenante: si passa da gare in cui rinuncia quasi completamente a giocare ad altre dove sfodera grandi prestazioni. C’è instabilità, troppa, anche all’interno della stessa partita. Contro la Juventus si è visto di tutto. Dominare i bianconeri sotto il piano del gioco quest’anno non è un fatto di grande rilevanza, lo fanno in molti contro questa Juve”.

Si prova poi anche a capire i motivi di questa discontinuità: “Ha ragione Mourinho quando dice che manca personalità nella squadra: non ci sono giocatori che sanno prendere decisioni in campo. Sul 3-2 la partita deve finire, non si può prendere gol. C’è un’eccessiva fragilità mentale, alla prima difficoltà tutto si sfascia”.

Uno sguardo anche verso il futuro: “E’ vero che bisogna investire, ma bisogna anche capire la reale disponibilità economica. E’ arrivato Maitland-Niles, una mezz’ala presa per far rifiatare Kardspop. L’ho visto contro la Juventus ma era spaesato, è troppo presto per giudicarlo. Da Oliveira mi aspetto possa fare il titolare, c’è da capire chi resterà fuori. Progetto di 3 anni? Mi aspetto una svolta già dal prossimo anno, anche da parte di Mourinho”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News