Resta in contatto

Rassegna Stampa

Tottenham, pressing su Veretout. Kamara o Ndombele, Pinto ci crede

Sirene inglesi per il centrocampista francese

Soddisfatto è un conto. Felice un altro. Mourinho al momento si ritiene pago. Non si aspettava Sergio Oliveira e soprattutto è rimasto contento della velocità con la quale Pinto gli ha regalato due opzioni che si aggiungono alla rosa. Non è un mistero che il tecnico vorrebbe un mediano.

Ne ha uno in rosa (Diawara) che non lo ha mai convinto. E l’altro (Darboe, che si è negativizzato) ha bisogno di crescere con calma. Serve un titolare. José, però, vola basso, consapevole come l’eventuale operazione dipenda dalla partenza/cessione di un calciatore. Che non deve essere per forza Diawara. Il guineano è sicuramente l’indiziato numero uno.

Ha 3 offerte, quella più allettante del Valencia (un’altra del Galatasaray) che tuttavia propone un prestito secco o al massimo con diritto di riscatto. Niente obbligo, quindi. Pinto in entrata può muoversi soltanto con altrettanti prestiti il che dovrebbe escludere Kamara, pronto a liberarsi tra 6 mesi dal Marsiglia. L’altro calciatore monitorato è Ndombele. Conte ha dato il via libera all’addio, ma vuole il sostituto.

Uno dei calciatori monitorati dall’ex ct è Veretout ma le valutazioni dei due giocatori sono troppo diverse per mettere in atto uno scambio. Tradotto: Ndombele ha costi troppo elevati sia di cartellino che d’ingaggio. La partenza a sorpresa di Jordan, però, garantirebbe la liquidità necessaria per muoversi su Kamara. Vien da sé come si sia in presenza di un gioco ad incastri o, se preferite, di un domino.

Ricapitolando: parte un calciatore in prestito, ne arriva uno con la stessa formula. Viene invece ceduto un giocatore o nel prestito è contemplato l’obbligo, Pinto è nelle condizioni di spendere e dunque di scegliere. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa