Resta in contatto

Prima Squadra

Abraham: “Doppietta e grande vittoria. Non avrei potuto desiderare di meglio”

Il centravanti giallorosso Tammy Abraham ha parlato così nel post derby ai microfoni di Dazn: le parole del centravanti inglese

Tammy Abraham, autore di una grandissima doppietta, ha rilasciato queste dichiarazioni a Dazn nel post Derby. Ecco le parole del centravanti inglese:

Partita perfetta, derby perfetto e poi alla fine non volevi più venire via dalla Curva. Racconta le tue emozioni…

“Non ho parole, wow. Puoi vedere cosa significa per i tifosi, per i miei compagni di squadra. Nelle ultime settimane ho sentito tanto parlare di questa partita ed essere qui oggi e contribuire con due gol a questa vittoria, non avrei potuto chiedere di più”.

Sembra che tu sia qui da molto più tempo, com’è possibile?

“E’ merito dei compagni, dei tifosi, del mister. Mi hanno tutti fatto sentire a casa dal primo momento. Quando tutti sono uniti e credono in quello che si fa, si ottengono questi risultati. Sono qui per aiutare la squadra il più possibile, la Roma ha investito moltissimo su di me e voglio ripagarla in questo modo”.

Quanto stai crescendo e quali obiettivi ti poni per questo finale?
“Sono deluso per aver mancato la tripletta, di solito da lì non sbaglio. Nel complesso, non posso lamentarmi perché abbiamo vinto in casa. Noi siamo la Roma”.

Come sei messo con l’italiano?
“Forse in due mesi riuscirò a parlare, preferisco parlare ancora in inglese perché così ho espresso al meglio le mie sensazioni”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra