Resta in contatto

News

Rosella Sensi: “Vittoria del derby un’emozione grandissima. Anche papà ha gioito”

L’ex presidentessa della Roma: “Complimenti a tutti, all’allenatore e ai giocatori, per averci dato questa grande gioia”

“Per me e la mia famiglia la Roma è una questione di dna, è una cosa che sento dentro, vincere il derby è una emozione grandissima, soprattutto vincere in questo modo, 3-0, giocando benissimo, è stata una gioia immensa che ancora adesso sento dentro di me. Una grande soddisfazione, complimenti a tutti, all’allenatore e ai giocatori per averci dato questa grande gioia”. Queste le parole dell’ex presidente della Roma, Rosella Sensi, all’Adnkronos sul derby vinto ieri 3-0 con la Lazio.

“Un grazie va poi ai tifosi che hanno fatto una bellissima coreografia allo stadio. Ieri un pensiero è andato a mio padre perché credo che anche lui da lassù abbia vissuto questa gioia”, ha aggiunto Rosella Sensi ricordando il padre Franco presidente dell’ultimo scudetto giallorosso.

In tribuna era presente Francesco Totti al fianco di Antonello Venditti. “E’ stato uno spettacolo a tutto tondo, una gioia immensa. Il mio pensiero è andato anche a mio padre che ha gioito di questa soddisfazione e di questo spettacolo enorme che i giocatori hanno dato a tutti”. Rosella Sensi non era allo stadio per il derby “ma spero di andarci presto. Seguo sempre la Roma da casa nel mio posticino che non cambio quando le cose vanno bene”.

Sulla possibilità che Totti entri a far parte di questa società l’ex presidente non si sbilancia: “Non spetta a me dirlo, spetta ai protagonisti deciderlo, sinceramente non lo so e qualsiasi decisione prenderanno andrà bene”, ha concluso.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News