Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Sampdoria-Roma 0-1: cinismo genovese, un pesto armeno

La Roma vince a Genova: vittoria di misura con la Samp

 

RUI PATRICIO  6,5

Nessuna parata impossibile, ma tra i pali è una sicurezza.

Trigoria

MANCINI  6,5

Tanti falli, tanti interventi importanti, qualche pallone che poteva essere gestito meglio. Ma la prova è da leader.

SMALLING  6,5

Puntuale, concentrato e spigoloso per gli avversari, il solito ritrovato Chris.

IBANEZ  6-

Un giallo preso ad inizio gara lo condiziona, rischia il secondo nel finale. La prova è sufficiente ma il brivido accompagna sempre chi ne osserva la prestazione.

KARSDORP  6,5

Ispirato, tocca tanti palloni e lo fa sempre con qualità.

MKHITARYAN  7

L’uomo ovunque della Roma di Mou, in grado di fornire quantità e qualità. E di segnare un gol pesantissimo per la classifica giallorossa.

CRISTANTE  7

Lucido stratega in campo, emanazione diretta delle idee di Mourinho.

SERGIO OLIVEIRA  6,5

Concentrato, essenziale con diversi tocchi di prima. Il portoghese se la cava egregiamente sul manto erboso del Ferraris.

ZALEWSKI  6,5

Gara di sostanza, sacrificio e abnegazione. Suo l’assist per il gol di Mkhitaryan.

PELLEGRINI  6,5

Ci mette la testa e la qualità, nella gestione di tanti palloni e di diversi momenti di gioco.

ABRAHAM  6

Il gol lo avrebbe siglato lui se non fosse stato per Thorsby. Fa un lavoro incredibile in fase di palleggio con la squadra, meno servito dai compagni in fase finalizzativa.

SHOMURODOV  SV

Prende il posto di Abraham, qualche spunto per guadagnare campo e tempo.

VINA 5,5

Entra nel secondo tempo, qualche buona uscita ma anche sofferenza sul finale contro Candreva.

KUMBULLA  SV

Entra nel finale.

BOVE  SV

Entra nei minuti finali.

MOURINHO  7

Smaltita l’euforia post derby, la sua Roma tocca quota 10 (risultati utili consecutivi) e torna quinta in classifica. Ora si può pensare serenamente al Bodø.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma