Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mancini: “Mourinho è un grande, la sua Roma può battere anche l’Inter”

L’esterno brasiliano in vista della sfida di sabato

Doppio ex della sfida di sabato pomeriggio a San Siro, tra Inter e Roma, parla sulle colonne di “Leggo” Amantino Mancini. Ecco uno stralcio delle sue parole:

Oggi fa l’allenatore; più facile o più difficile rispetto a quando era calciatore?

Tre anni fa sono tornato a Roma per fare il corso a Coverciano. Per ora sono senza squadra ma punto ad averla presto. L’ultima esperienza l’ho avuta al Villa Nova. Fare il calciatore era meno stressante.

Anche se ha avuto come tecnico Mourinho?

Sono stato fortunato a essere stato un suo giocatore ed ad aver giocato in quella Inter. All’inizio ero titolare, poi lui ha cambiato modo di giocare nella seconda stagione e mi ha tolto senza spiegazioni. Ma Mou resta un grande, capisce tantissimo di calcio e ancora oggi ci sentiamo.

Mou le piace alla guida della Roma?

È una novità anche per lui. All’Inter aveva uno squadrone, quella della Roma è una buona rosa ma limitata. Ha dovuto faticare di più a Trigoria, lavorare molto anche di inventiva. Ma ora i risultati si vedono. Lui è un allenatore che riesce a tirar fuori il meglio dai giocatori e a difenderli dai media. Avevamo giocato male una volta, ma lui in conferenza aveva tirato fuori tutto un altro argomento per far parlare del suo atteggiamento e non della brutta partita nostra.

Chi parte favorita sabato tra Roma e Inter?

Entrambe le squadre stanno molto bene, potrebbe finire in pareggio. Di certo l’Inter ha più da perdere rispetto alla Roma.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa