Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 24 aprile 1991: la Roma batte il Brøndby ed accede alla finale di Coppa Uefa (VIDEO)

Una partita storica, impreziosita dal gol finale di Voeller: il “tedesco che vola” fa volare la Roma, portandola sul tetto d’Europa

Il 24 aprile 1991 allo Stadio Olimpico la Roma gioca la semifinale di ritorno di Coppa UEFA contro i danesi del Brøndby. In Danimarca la contesa è terminata a reti inviolate in un match decisamente non spettacolare ma giocato dalle due contendenti con grinta e grande accortezza tattica. Nella capitale l’attesa per l’incontro è altissima. Attesa consumata con l’angoscia che il “tedesco che vola” non possa essere nella formazione titolare per via di uno stiramento patito appena dieci giorni prima.
Le squadre entrano nel rettangolo verde avvolto in un perimetro di fumogeni giallorossi. Chi si aspetta una Roma all’arrembaggio rimane deluso. Ottavio Bianchi ha preparato la partita con l’obiettivo di togliere ai danesi l’unica freccia nel loro arco: il contropiede. Per farlo decide che il pallino debbano tenerlo loro. I danesi, che non sono una squadra tecnica, palesano i loro limiti tecnici con una Roma “abbassata” e vanno quindi in difficoltà. Al 33’ il lampo che accende la serata: gran sinistro di Nela con Schmeichel che si allunga per parare, il portierone danese non blocca la palla che arriva sui piedi di Di Mauro. Il centrocampista rimette il pallone in area dove Rizzitelli non deve far altro che spingere di testa la palla nella porta sguarnita dei danesi. Il gol accende le speranze dei tifosi giallorossi, ma al 61′, in un’azione di contropiede, un intervento di Comi mette fuori causa Cervone e nulla può Nela con un disperato intervento di recupero. È 1-1.
La Roma soffre, ma sa che deve dare tutto per cercare di trovare il gol della vittoria nei minuti finali. All’87′ finalmente accade ciò che è giusto. Azione manovrata della Roma nonostante il pressing degli avversari e Pellegrini mette palla al centro. Berthold colpisce di testa ma la difesa danese respinge al limite dell’area. A questo punto Desideri lascia partire una gran botta che il portiere Schmeichel respinge corto. Sulla palla arrivano Rizzitelli e Voeller. La palla schizza in porta e porta in vantaggio la Roma, senza sapere in quel momento chi tra i due fosse l’autore materiale del gol. Alla fine la marcatura verrà assegnata a Voeller, che chiederà il cambio subito dopo l’esultanza. La Roma vince e accede alla finale di Coppa Uefa, per la terza volta nella sua storia.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord