Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Leicester-Roma 1-1: it’s the final countdown. “Se vedemo a Roma”

La Roma pareggia al King Power Stadium

RUI PATRICIO  7

Garantisce sicurezza al reparto, efficace in ogni intervento. La parata su Iheanacho è sontuosa.

Trigoria

MANCINI  5,5

Il suo profilo di gioco va a nozze con l’intensità da Premier League. Autogol sfortunato visto il ritardo di marcatura su Lookman.

SMALLING  7

Un muro. Non quello che porta al magico mondo di Harry Potter ma a 90 minuti dalla finale di Conference League.

IBANEZ  6,5

Grande attenzione, anticipo e coraggio di giocare sempre il pallone.

KARSDORP  6

Può e deve fare di più. Arriva con un secondo di ritardo all’appuntamento con il gol.

CRISTANTE  6-

Un ritmo che non si sposa con le sue caratteristiche, meglio nella ripresa.

MKHITARYAN  6

Finché in campo, tra i più incisivi. Si ferma: da valutare il suo infortunio.

ZALEWSKI  7

Insieme a Smalling, il miglior giocatore della serata giallorossa. Un assist da sogno per il gol di Pellegrini.

PELLEGRINI  6

Il gol da bomber sotto porta che spacca la partita. Partita di corsa e sostanza.

Zaniolo

ZANIOLO  5,5

Tanti contrasti, tanta corsa ma combina poco.

ABRAHAM  6-

Ogni volta che tocca il pallone fa qualcosa di importante ma non riesce ad incidere come vorrebbe.

VERETOUT 5,5

Entra nel secondo tempo, difende ma non porta ritmo e qualità.

SERGIO OLIVEIRA  6

Non è la sua partita per il ritmo infernale, ma nel marasma generale sfiora il gol del ko.

FELIX  SV

Davvero poco per giudicare, si prende un paio di falli che fanno respirare la squadra.

VINA 6

Un buon impatto nei minuti finali.

MOURINHO  6,5

Lo Special One prepara la Roma formato Premier. Un pareggio che annulla la sfida in terra inglese, la finale anticipata si gioca all’Olimpico.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma