Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Boniek: “Zalewski è il più romanista di tutti ma dentro è polacco. Ruolo? Potrebbe giocare anche più avanti”

Boniek Abraham

Le parole dell’ex Roma sul connazionale Zalewski

Zbigniew Boniek, ex Roma e vice presidente della UEFA, è intervenuto ai microfoni di Centro Suono SportBoniek si è soffermato in particolar modo sul connazionale Zalewski, che nel post partita di ieri ha affermato di sentirsi polacco al 100%. Ecco le sue parole:

“E’ nostro, è romano e romanista. Ai nostri tempi non c’era la possibilità di essere brasiliano e giocare per l’Italia o essere italiano e giocare per la Polonia. Adesso sono caduti dei paletti in tal senso. Nicola è nato in Italia da giocatori polacchi e lui dentro è polacco. Poi potrebbe giocare anche per la Nazionale italiana ma perché toccare questo tasto quando i genitori si sentono polacchi? Quando ero presidente della Federazione polacca non volevo andare in giro a cercare giocatori da naturalizzare perché avevano origini polacche, dicevo ‘giochiamo con i calciatori che si sentono polacchi’, naturalizzare è un gioco che non vale la candela secondo il mio punto di vista”. 

“Detto questo Nicola è il più romanista di tutti in questo gruppo di giocatori e lo dico perché lo conosco. È strafelice di fare la carriera di calciatore e di giocare con la Roma. È un buon calciatore e si sta adattando alla grande a questa posizione che gli ha trovato Mourinho. Ha una grossa tecnica, è veloce, la palla non gli dà fastidio, ha il piede veloce e potrebbe giocare anche un po’ più avanti. Ho sentito che a lui piacerebbe giocare anche un po’ più in mezzo, essere più partecipe a qualsiasi azione, per questo però deve crescere.  Trequartista? Ma anche come numero 8 perché ha fatto passi in avanti per il recupero della palla: ieri è riuscito a fermare 4-5 volte i giocatori del Leicester nel secondo tempo, quando eravamo in grossa crisi. La partita di ieri ci ha dato l’opportunità di sognare la finale ma se la analizziamo bene abbiamo sofferto. Mourinho, che è un grandissimo, dice che il possesso palla non vale niente ma su questo argomento polemizzerei perché, come diceva Liedholm, se hai la palla per tutti e 90 i minuti non perdi”.
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News