Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 6 maggio 2001: Nakata-Montella e quel 2-2 da Scudetto. Le immagini del settore giallorosso in festa (VIDEO)

Il doppio vantaggio bianconero non spezza il vigore degli uomini di Fabio Capello: prima Nakata e poi Montella regalano il pareggio alla Roma


Il 6 maggio del 2001 la Roma rimontava la Juventus a Torino ottenendo un punto d’oro, in una di quelle sfide che resterà impresse nella cavalcata verso il terzo scudetto della storia giallorossa. Mancano ormai poche gare alla fine del campionato: la Roma, in testa alla classifica, è chiamata ad affrontare la Juventus seconda a Torino, per una sfida che si preannuncia decisiva in chiave scudetto.

La Juventus, forte del fattore campo, parte subito a testa bassa, rifilando ai giallorossi un micidiale 1-2 nel giro di pochi istanti: al 4′ arriva il gol di testa di Del Piero su cross di Zidane, e al 6′ lo stesso francese mette a segno il momentaneo 2-0 dalla distanza. La batosta è forte, in pochi minuti la Roma vede sgretolarsi tutto il lavoro fatto fino a quel momento. Ma la partita è ancora lunga, anche se ci sarà da soffrire: il primo tempo si conclude con il risultato di 2-0 quasi per miracolo, visto i continui affondi dei padroni di casa. Nella ripresa, entra Montella al posto di Delvecchio, ma ciò non basta a dare la spinta giusta alla Roma: a pochi minuti della fine Capello opta per il giapponese Nakata, entrato al posto di Francesco Totti: sarà proprio l’attaccante ex Perugia a mettere quel “quid” in più alla squadra.

Al 79′ arriva infatti il gol del momentaneo 2-1, proprio a firma di Nakata: il giapponese ruba palla a centrocampo, e da fuori area, fa partire un destro imprendibile per Van der Sar. La Roma torna in partita, ma il tempo stringe. La fortuna inizia a girare, e al 90′ arriva anche il gol del pareggio giallorosso: Candela, defilato sulla destra, serve Nakata, che fa nuovamente partire un destro incredibile. Il portierone olandese della Juventus ci arriva, ma non riesce a bloccare, dando la possibilità a Montella di ribattere il pallone in porta, segnando così il definitivo 2-2. La Roma strappa un punto sul campo più difficile del torneo e consolida la prima posizione, mentre la Juventus scivola al terzo posto, scavalcata dalla Lazio.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord