Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Tacopina: “Mourinho non mi piace, non si guarda mai allo specchio”

Le parole del presidente della Spal ed ex vice presidente della Roma

Joe Tacopina, presidente della Spal ed ex vice-presidente della Roma, ha parlato a “The Italian football podcast” ed ha detto qualcosa su José Mourinho ed i Friedkin. Di seguito le sue dichiarazioni.

Cosa pensa di Mourinho?

Cerco di essere politicamente corretto: non mi piace. Preferisco tutta la vita Alessio Dionisi, che è stato con me a Venezia e ora è al Sassuolo. Guardate, so che ha fatto cose fantastiche cento anni fa, ma non so quanto abbia vinto nell’ultimo decennio. E non è solo quello: so che è un buon allenatore, ma non lo apprezzo, perché è una persona che quando le cose non vanno bene dice che la squadra non è abbastanza forte o che il club non ha comprato abbastanza giocatori, o che gli arbitri vanno contro la Roma. Non si guarda mai allo specchio. Se ti chiami lo Special One, magari ogni tanto devi fare una verifica. Io non lo conosco di persona, magari è simpatico, ma semplicemente non è l’allenatore che fa per me.

Il rapporto con i Friedkin?

Hanno messo un sacco di soldi e stanno facendo grandi cose. Quando un allenatore li attacca per non aver preso giocatori abbastanza buoni, dovrebbe andare nel loro ufficio a parlarne e non davanti alla stampa. Per me è un segnale di insicurezza: datemi Max Allegri, tutta la vita. Ci sono allenatori come Zanetti che è stato licenziato in modo scioccante, o Dionisi: ci sono tanti grandi allenatori e non vedo nessuno di loro fare quello che Mourinho fa.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News