Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Torino-Roma 0-3: Tre passi verso Tirana

La Roma batte il Torino e si qualifica per l’Europa League

 

RUI PATRICIO  6,5

Chiude il campionato con l’ennesimo clean sheet stagionale. Il 22simo della sua prima annata in giallorosso.

KUMBULLA  6

Fa a sportellate con Belotti, uscendone sempre vincitore.

Trigoria

MANCINI  6

Fa il suo, giocando concentrato e cattivo agonisticamente, come nel suo standard.

IBANEZ  6

Nulla di straordinario, ma senza errori o sbavature.

ZALEWSKI  6,5

A sinistra o a destra non fa più differenza. Ci mette corsa, impegno e attenzione tattica.

SERGIO OLIVEIRA  6

Ruba il pallone che dà il via all’azione del vantaggio. Con la testa giusta.

VERETOUT  6

Sprazzi del vecchio Jordan. Tante cose buone ma anche un gol “mangiato”.

SPINAZZOLA  6

Ci aspettavamo sprint e dribbling, gioca più di posizione: Ola Aina è un brutto cliente.

PELLEGRINI  7

Oltre 80 minuti di qualità e quantità. Sigla il rigore che ci consente di pensare solo a Tirana.

SHOMURODOV 6

Non trova il gol, come con il Venezia. Ma fa una partita generosa.

ABRAHAM  7,5

Sblocca la gara (tredicesimo gol dell’1-0 in stagione), segna poi su rigore toccando quota 17 in campionato, 26 totali. E manca il Feyenoord.

KARSDORP  6

Entra nella ripresa, prova a dare il suo contributo e scalda i motori per Tirana.

CRISTANTE  6

Geometria e possesso, in un secondo tempo senza sofferenza.

Zaniolo

ZANIOLO 6-

Si guadagna un bel rigore, poi sbaglia tanto.

EL SHAARAWY  6

Ha l’occasione per segnare, ma tira addosso a Berisha.

VINA SV

Entra nel finale.

MOURINHO  6,5

Dalla Conference League all’Europa League: termina il suo primo campionato sulla panchina della Roma a una manciata di punti dalla Champions League.

 

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma