Resta in contatto

Rassegna Stampa

L’acquisto di Matic cambia le strategie: il colpo grosso ora è un attaccante

L’arrivo del serbo cambia i piani mercato di Tiago Pinto

L’arrivo a parametro zero di Nemanja Matic – gli ultimi dettagli dell’operazione saranno definiti oggi – regala a José Mourinho un giocatore di sua assoluta fiducia e cambia le strategie di mercato della Roma. Ci si aspettava una spesa ingente per un regista capace di dettare i ritmi e di fare da schermo davanti alla difesa e invece il “colpo grosso” sarà al 99% un grande attaccante da affiancare a Tammy Abraham.

Matic, 34 anni ad agosto, 48 presenze con la Serbia, ha giocato per Mourinho al Chelsea e al Manchester United. È un fedelissimo dello Special One, insomma. Il suo contratto sarà da 3,5 milioni netti più bonus e con un’opzione per la seconda stagione: basterà che la Roma si qualifichi per una Coppa europea. Secondo calciomercato.com avrebbe rifiutato ben 7 offerte tra Germania, Francia e Turchia.

Nell’ottica dei due giocatori per ciascun ruolo, Matic è abbinato con Cristante. In quella posizione del campo sono stati cercati Xhaka, Zakaria e Douglas Luiz, tutti profili da 30 milioni di euro o più. Una cifra importante che adesso potrà essere usata per un attaccante da 12/15 gol da affiancare a Abraham e Zaniolo.

Se le strade tra la Roma e Nicolò si dovessero separare, il tesoro in mano a Tiago Pinto sarà ancora maggiore. Un profilo alla Dybala, un attaccante di livello internazionale già pronto per i massimi livelli. L’attacco della Roma, nell’ultima stagione, ha prodotto gol con continuità soltanto con Abraham, che tra l’altro gradisce l’idea di aver un compagno di reparto. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa