Resta in contatto

Rassegna Stampa

Boom abbonamenti: sono quasi 40mila. E la corsa continua

Procede spedita la campagna abbonamenti: tra campionato e coppe, si va verso le 40000 tessere

La campagna abbonamenti della Roma viaggia spedita verso le 40 mila tessere. Dopo due giorni di vendita libera nella seconda fase, sono stati oltre 35 mila i tifosi che hanno rinnovato o sottoscritto un nuovo abbonamento, a cui vanno aggiunti circa 5 mila che hanno deciso di abbonarsi anche alle coppe e si sono aggiudicati la mini-tessera per le tre partite del girone di Europa League e per gli ottavi di finale di Coppa Italia.

Numeri che a Trigoria non si vedevano da un bel po’. L’ultima volta che la Roma aveva superato i 30 mila abbonamenti era nel 2004-05. Fatta eccezione per 2016, quando in curva sud furono introdotte le barriere, non si è mai scesi sotto le 25 mila sottoscrizioni.

Dopo la desertificazione dell’era Pallotta, ora le cose sono cambiate notevolmente. Merito dell’entusiasmo collettivo generato dall’arrivo di José Mourinho, sicuramente, della vittoria in Conference League, ma non solo. La politica dei prezzi della società, che ha riservato tantissimi vantaggi a chi ha dato fiducia abbonandosi, ha fatto il resto. Così come è stata fondamentale la riscoperta di alcune cose che hanno fatto breccia nel cuore dei tifosi: dal vecchio stemma, tornato sulle maglie in partite ufficiali, all’inno suonato con le squadre in campo. Lo scrive la Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa