Resta in contatto

Rassegna Stampa

Aspettare a volte è giusto: perché Pinto merita fiducia

L’editoriale sull’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport

Non sempre l’attesa è un segnale di immobilismo o negativo. La Roma dei Friedkin e del gm Pinto in questi due anni ha fatto tantissimo. Ha portato a Roma un top coach di livello mondiale, Mourinho, e ha vinto una Coppa che mancava da 61 anni, riuscendo a correggere tanti errori del passato e a dare una prima importante sforbiciata ai costi.

Il monte ingaggi è diminuito da 134 a 105 milioni. Ci si è liberati di giocatori che da anni erano fuori gioco (da Fazio a Pastore). Lo scorso luglio nel primo giorno di raduno la Roma contava 26 giocatori aggregati con Mourinho e 35 fuori dal progetto da sistemare. Quest’anno si è scesi a 14, e si conta per fine mercato di azzerare il numero. Si è lavorato sulle strutture e sugli staff.

Si è portato avanti un progetto sulle giovanili avvicinando la Primavera alla prima squadra e molti ragazzi sono entrati in pianta stabile nella rosa di Mou. Non accadeva dai tempi di Totti e De Rossi, i due totem che si erano lasciati male con la vecchia proprietà e che invece la nuova ha riportato stabilmente all’Olimpico, soprattutto il Capitano.

A questo lavoro di sfoltimento si aggiunge il lavoro di aggiunta. Perso Mkhitaryan che si è messo lecitamente all’asta senza alcun romanticismo, è stato preso un big europeo come Matic. Celik è a un passo e completerà la coppia di esterni a destra. Se il Sassuolo darà a Frattesi la sua valutazione reale dopo un anno positivo di A (23-25 milioni), verrà preso anche lui.

Mourinho come tutti i tecnici top vorrebbe subito la squadra al completo. La sua ambizione fa bene alla Roma, la fretta meno. Serve fiducia e un po’ di pazienza. I Friedkin e Pinto se la sono meritata.

21 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

21 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa