Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Cabrini: Zaniolo? Lo vedo bene dietro le punte. Zalewski e Spinazzola possono fare grandi cose insieme”

Antonio Cabrini ha detto la sua sull’argomento Zaniolo e sugli esterni di fascia della Roma

Antonio Cabrini, Campione del Mondo 1982, in occasione del quarantesimo anniversario dalla vittoria del mondiale, ha rilasciato un’intervista durante le trasmissioni di NSL Radio.

La Juventus vuole Zaniolo, è il nome giusto per i bianconeri?

“Sicuramente l’interessamento della Juventus per Zaniolo è dovuto alle carenze che sono venute fuori nel centrocampo bianconero nella passata stagione. Zaniolo nonostante non abbia ancora una collocazione tattica ben definita, mi sembra adatto a giocare dietro le punte, nella zona centrale del campo. Non lo vedo bene da esterno, troppo fuori dal gioco per uno con le sue qualità.

Su Zalewski e il duello per la fascia sinistra con Spinazzola…

“Beh Zalewski si è adattato bene quest’anno, vederlo con Spinazzola è una cosa fattibile, possono fare grandi cose insieme. Spinazzola deve stare bene, è uno dei fluidificanti più forti in Italia e i due possono rappresentare una catena importante”.

C’è un terzino che le piace particolarmente?

“Purtroppo dopo Sacchi si è persa l’abitudine ad avere dei terzini fluidificanti e c’è stato un ritorno di questo ruolo 7-8 anni fa. La scuola dei terzini non esiste più anche se alcuni si adattano. I terzini prima facevano tutto bene, la fase difensiva e la fase offensiva. Spinazzola è un calciatore da tenere in considerazione perché fa benissimo entrambe le fasi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra