Resta in contatto

Rassegna Stampa

Svolta Wijnaldum: c’è l’accordo con il Psg. Ora Mourinho aspetta Belotti

Belotti

Ora lo Special One attende il Gallo

La svolta tanto attesa è arrivata nel cuore della notte, a spazzare via fantasmi e ipotesi di rottura tra le parti. Lo stallo c’è stato, ma la convinzione di arrivare a dama non è mai venuta meno. E così ora non rimane che attendere i comunicati ufficiali e l’arrivo del calciatore nella Capitale. Ma non ci sono più dubbi: Georginio Wijnaldum sarà un giocatore della Roma.

L’ha spuntata Tiago Pinto, con un prestito oneroso (a circa 2 milioni) con diritto di acquisto e parte dell’ingaggio (2.5 milioni sui 7 complessivi) coperta dal club parigino. Un colpo di livello internazionale, l’ennesimo dei Friedkin in questa campagna acquisti, già impreziosita dai nomi di Matic e Dybala.

Gongola José Mourinho che, impaziente di abbracciare l’olandese a Trigoria, è arrivato a mettere pressione persino al legale del club, l’avvocato Muscarà, con una story Instagram che lo ritraeva intento nella stesura dei contratti.

Ma la Roma non si ferma qui, anzi ha le idee chiarissime su come completare la rosa. E il prossimo obiettivo si chiama Andrea Belotti. Oltre tre mesi fa i primi contatti, quando si era capito che l’avventura al Torino del Gallo fosse ai titoli di coda. Rifiutate le offerte di Valencia e Monaco, Belotti ha aspettato la Roma: un triennale da 2.8 più bonus a salire lo attende, ora non resta che agevolare l’uscita di un elemento del reparto offensivo per fargli posto.

Il pensiero di presentarlo ai tifosi in occasione della sfida con lo Shakhtar, insieme a Wijnaldum, esiste a Trigoria, da capire se le tempistiche si riveleranno compatibili: Carles Perez è ad un passo dal Celta Vigo, diverse le richieste per Shomurodov ma nessuna convincente. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa