Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Gol, giocate e buonumore: il nuovo Zaniolo conquista Mourinho

Nicolò è tornato a sorridere

Un addio imminente che si è trasformato in un ritrovato abbraccio, l’ambizione (legittima) di vedersi con un’altra maglia, che con il tempo è sfumata, toccando delle tonalità bianconere che ora sono tornate sul giallorosso. Inutile nasconderlo: Nicolò Zaniolo era molto deluso dopo la finale di Tirana. Quel gol, che ha cambiato per sempre la storia della Roma, pensava potesse rappresentare il trampolino verso il rinnovo di contratto.

Ma dall’altra parte nulla era cambiato e ogni discorso di futuro era stato rimandato in autunno. Una cessione dolorosa, sì, ma in grado di finanziare i colpi in entrata. Qualche sgommata sul piazzale di Trigoria per evitare i tifosi, qualche atteggiamento non gradito dallo staff tecnico e la partenza per il Portogallo con un broncio che non prometteva nulla di buono

Poi è subentrata la magia del calciomercato, che azzera certezze e rimette tutto in discussione. La “certezza” di andare via si è affievolita, la Juventus è rimasta una suggestione sullo sfondo e nel frattempo arrivavano Matic, Dybala e Wijnaldum. Ma il posto in squadra per lui era sempre lì. Mourinho ha rispolverato con cura il diamante, che si era incupito pensando troppo al futuro, ma poco al presente.

C’è Dybala, ma anche Zaniolo, soprattutto Zaniolo. Ed ecco in campo i quattro tenori che si trovano a meraviglia e danno spettacolo. Eccolo il sorriso di Nicoló, che si era perso ad inizio estate e si è ritrovato nel momento giusto. È vero, il Tottenham è tornato a bussare con decisione alla sua porta, ma il feeling ora è diverso. Su Instagram la sua foto profilo è cambiata, la maglia adesso è giallorossa. Più che “indizio social” chiamatelo stato d’animo: è tornata una grande voglia di Roma. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa