Resta in contatto

Rassegna Stampa

Abraham, tocca a te. La Roma brilla, lui a secco: caccia al vice

L’inglese senza gol in estate, ora deve ritrovare la via della rete

Anche lo scorso anno ci ha messo un po’ a carburare, basti pensare che nelle prime undici partite di campionato aveva segnato solo due reti (a cui però ne aveva aggiunte altre due nelle prime 4 partite di Conference League). Ed allora non c’è da preoccuparsi un granché anche se quello zero nella casella dei gol segnati finora da Tammy Abraham un pochino sorprende eccome. Soprattutto considerando che stiamo parlando di uno che lo scorso anno aveva messo a segno ben 27 reti, bomber stagionale della Roma, capace di stabilire il record assoluto di reti tra gli esordienti in maglia giallorossa.

Finora Abraham non è mai andato a segno nel pre-campionato della Roma, giocando sette partite e sbagliando un calcio di rigore contro i portoghesi del Portimonense. E anche a Salerno, domenica scorsa, ha giocato una partita buia, lontana da quelle a cui ci aveva abituato, arrivando anche molle sulla grande occasione del 2-0, quando il palo ha respinto il tiro di Dybala. C’è però da dire che Tammy quest’anno gioca molto più spalle alla porta ed è meno proiettato ad attaccare gli spazi e la profondità. Questo perché alle sue spalle giocano due come Zaniolo e Dybala, con cui Abraham può dialogare nello stretto, mettendosi a disposizione e giocando di sponda. Ecco anche perché Mou vuole un altro attaccante, lo svincolato Andrea Belotti. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa