Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La sfida in mezzo: Cristante-Matic, a chi toccherà il ruolo di regista?

Una maglia per due in mezzo al campo

Chi sarà il titolare, o quantomeno chi giocherà di più, non si sa. Ma una cosa è certa: sia Bryan Cristante sia Nemanja Matic possono essere definiti ‘soldati’ di José Mourinho.  Cristante garantisce più verticalità e maggiore distribuzione della palla, Matic più equilibrio difensivo e maggiore esperienza nella gestione delle situazioni. Sono due soluzioni diverse tra di loro, ma di pari valore. Anche perché Nemanja ha appena compiuto 34 anni, Cristante ne ha sette in meno e in stagioni cosi lunghe l’età ha un peso. E la forma fisica anche: dopo la prima giornata Cristante è il decimo giocatore con più chilometri percorsi in Serie A, il primo dei romanisti.

Matic, dal canto suo, oltre a una classe cristallina e a una capacità incredibile di gestire il gioco, può mettere sul piatto della bilancia una conoscenza incredibile di Mourinho e di quello che chiede. Insieme hanno appena giocato la partita numero 160: numero notevole, feeling notevole. Quando Matic ha accettato la Roma sapeva che non avrebbe avuto il posto fisso ma, considerando la stima che Mou ha di lui, la sensazione è che, da titolare o da subentrato, le gare che disputerà saranno comunque tante. Il tutto senza considerare Wijnaldum e Pellegrini. Il primo deve ancora completare la preparazione, il secondo è il capitano e, soprattutto, un giocatore imprescindibile. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa