Resta in contatto

Rassegna Stampa

Ranieri: “Mou, questa Roma è uno show. Può inserirsi per lo scudetto”

L’intervista al grande ex

L’avvio di campionato visto dal mare della Calabria, dove Claudio Ranieri veleggia tutti i giorni: “Sarà una bella Serie A, la prima giornata ha già dato segnali importanti. La lunga sosta per il mondiale è il vero punto interrogativo”.

La Roma ha vinto a Salerno e Mourinho ha offerto la pizza a sessanta persone per festeggiare.

La Roma è molto quadrata e diventa splendida quando gioca in velocità con i Fab Four. La sfida con la Juventus ci aprirà gli occhi, anche se la Roma non deve commettere l’errore di sottovalutare la Cremonese.

Chi le ha rubato l’occhio?

De Ketelaere, anche se ha giocato poco. Zaniolo quando parte palla al piede è spettacolare. Dybala è un grandissimo acquisto. Di Maria ha un talento cristallino.

Continuano i problemi con DAZN.

Errori da dilettanti. È inammissibile che la serie A abbia queste difficoltà con la copertura televisiva.

La Lazio ha timbrato il cartellino, nonostante la falsa partenza con l’espulsione del portiere Maximiano dopo appena sei minuti.

Io alla Lazio credo perché Lotito non ha mai speso tanto come quest’estate. Non si è capito molto contro il Bologna fino a quando c’è stata l’inferiorità numerica, ma dieci contro dieci, la squadra di Sarri ha mostrato le sue qualità. Lazio, Roma e Napoli sono alle spalle del trio Milan, Inter e Juventus, pronti ad inserirsi nella lotta per il titolo.

Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa