Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dybala, Matic e Wijnaldum sono pronti per la prova Olimpico

Dybala, Matic, Wijnaldum: i nuovi acquisti sono pronti a conquistare i tifosi della Roma

La faccia stupita di Paulo Dybala al momento dell’inno, prima di Roma-Shakhtar Donetsk, è diventata un meme, e rende l’idea dello stupore che provano i calciatori quando mettono per la prima volta piede all’Olimpico e si rendono conto del calore e dell’emozione che sono in grado di trasmettere i tifosi giallorossi.

Non sarà una prima assoluta, quindi, per i cinque nuovi (in attesa di un sesto, Belotti, e possibilmente di un settimo, cioè un difensore centrale non ancora identificato), che domani pomeriggio scenderanno in campo nel match contro la Cremonese, ma sarà comunque un battesimo ufficiale.

Non è certa la presenza dal primo minuto di Gini Wijnaldum. L’olandese è sceso in campo nel finale contro la Salernitana, segnando un gol poi annullato per fuorigioco, non ha ancora i 90 minuti nelle gambe e Mourinho deciderà se farlo partire dall’inizio o schierarlo a partita in corso. Di sicuro i tifosi giallorossi lo aspettano, e non vedono l’ora di dedicargli il coro ormai diventato un marchio di fabbrica per l’ex Liverpool.

È in ballottaggio con Cristante, invece, Matic. Il serbo ha incantato l’Olimpico contro lo Shakhtar ma poi è rimasto inizialmente in panchina a Salerno: domani sera potrebbe partire titolare. Meno possibilità per Celik, arrivato per fare il vice Karsdorp, e ancora in attesa di fare il suo esordio in campionato. Lo scrive il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa